Consorzio Canale Camuzzoni
 

Modello 231/01 Modello dì organizzazione, gestione e controllo

A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231, che ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento un regime di "responsabilità amministrativa" a carico delle società, il Consorzio Canale Industriale G. Camuzzoni Scarl, nel perseguimento della gestione delle attività aziendali sulla base dei valori identificati nel Codice Etico, ha adottato il proprio Modello dì organizzazione, gestione e controllo.

Il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/01, approvato originariamente dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio Canale Industriale G. Camuzzoni Scarl nel 2010, è stato aggiornato ed integrato nel corso del tempo in relazione alle variazioni organizzative ovvero agli interventi legislativi che hanno ampliato la categoria dei reati presupposto della responsabilità amministrativa.

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01

Codice Etico

Il Codice Etico, adottato dal Consorzio Canale Industriale G. Camuzzoni Scarl nel 2010 nell’ambito dell’attuazione del Modello 231, è lo strumento mediante il quale il Consorzio Canale industriale G. Camuzzoni Scarl identifica la propria missione, visione e valori e fissa i principi e le norme di comportamento che guidano le relazioni con i portatori di interesse.
Il Codice Etico integra e completa il Modello di Organizzazione e Gestione previsto dal Decreto Legislativo 231/01

Codice Etico

Consiglio di Amministrazione

Ing. Stefano Piccoli - Presidente CdA
Ing. Franco Agostinello - Vice Presidente CdA e consigliere
Sig.ra Tiziana Sabaini - Consigliere

Collegio Sindacale

Sig. Pierluigi Paloschi - Presidente Collegio Sindacale
Dott. Alberto Centurioni - Sindaco effettivo
Dott.ssa Giulia Scala - Sindaco effettivo

Organismo di Vigilanza

Avv.to Giovanni Marino
odv.camuzzoni.it


Direttore Operativo

Ing. Federico Vigato